#roadtrip Barcellona - day 2 - The Fancy Taste
458
post-template-default,single,single-post,postid-458,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-14.3,qode-theme-the fancy taste,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

#roadtrip Barcellona – day 2

Siamo ad ottobre è vero, l’unico pensiero dovrebbero essere le zucche di Halloween e la cosiddetta notte delle streghe ma io sono ancora con la testa rivolta ai viaggi.
Il mio diario di bordo in cui racconto di Barcellona non è mica terminato! Ed eccomi qui, a distanza di un mese a riprendere da dove l’avevo lasciato.

Il secondo giorno a Barcellona è stato moooolto movimentato, come sono soliti essere i miei itinerari di viaggio. La giornata, iniziata leggermente in ritardo ha visto una prima colazione a casa. Successivamente io e Andrea abbiamo raggiunto con la metro la famosa Rambla da tutti conosciuta come l’immensa strada principale di Barcellona.

La Rambla ha un vero e proprio carattere cosmopolita e stravagante, a cui nessun viaggiatore può resistere. Quando cammini fra il vialone alberato ti scontri con volti veramente particolari, sembra quasi una favola fatta di personaggi e volti bizzarri. Io e Andrea ci siamo incamminati nel vicino Barrio Gotico ovvero il quartiere gotico. Questo quartiere sorge alle spalle della rambla ed è uno dei quartieri più antichi della città.

Il Barrio Gotico fu il punto nevralgico della vita politica e religiosa della Barcellona medievale. Nata sui resti del Barcino, antico nucleo romano che sorgeva proprio in questa area, oggi il quartiere Gotico presenta ancora la struttura urbanistica classica dell’impero romano del cardo e del decumano.
Oggi il quartiere è animato da negozi tipici, bar e ristoranti e se di giorno come noi avrete l’opportunità di visitarlo, di sera si trasformerà in un vero luogo di festa.

 

 

Una volta allontanatoci da questo folkloristico quartiere ci siamo concessi un pasto al famoso mercato di Barcellona “La Boqueria”.
Il mercato della Boqueria è uno dei mercati più emblematici ed antichi di Barcellona. La struttura, pensate, fu inaugurata proprio come lo è adesso nel lontano 1840. Ma già nel 1200 qui si realizzavano saltuariamente vendita di carne e pesce.

Il mercato della Boqueria è senza ombra di dubbio il più frequentato, grazie anche alla privilegiata posizione sulla Rambla, colori, suoni e tanti tanti sapori ecco cos’è questo mercato a cielo aperto di cui ci siamo innamorati. Personalmente amo il prosciutto spagnolo, di qualsiasi taglio, e qui ho trovato la mia pace… coppette di prosciutto a solo 1 euro per allietare il palato prima di immergermi in tipici piatti della cultura catalana. Per finire io e Andrea abbiamo assaggiato il frutto della passione, e dei buonissimi frappé con frutti provenienti dalle isole spagnole… frutta vera qui, un sapore inimitabile!

Il nostro pomeriggio continua a passeggio fra le viuzze nei dintorni della Rambla fino ad arrivare alla famosa Plaza Catalunya, punto nevralgico della città, una piazza enorme, circondata da costruzioni monumentali, è la più trafficata di Barcellona. Si trova tra Ciutat Vella e il distretto del 19esimo secolo dell’Eixample.

Dopo un breve riposo a casa ci siamo diretti al tramonto (che solitamente in spagna si aggira verso le 8 di sera) verso la Barcelloneta.
Uno spettacolo davvero unico, qui siamo scesi alla fermata della Metro della Ciutadella Vila Olimpica. Una passeggiata rilassante, sul litorale di Barcellona ci ha fatto rimanere sbalorditi dell’immensità di quelle spiagge, così organizzate e così piene di persone che la rispettavano.

In effetti io e Andrea abbiamo riflettuto su come anche noi a Napoli abbiamo un litorale bellissimo, ma lo sfruttiamo davvero poco. Eppure basterebbe un po’ d’impegno per diventare come Barcellona, allora sì, Barcellona assomiglia proprio a Napoli, una Napoli civilizzata.

Per concludere la nostra intensa giornata ci siamo accomodati in un bellissimo ristorante sul Passeig de Joan de Borbò sempre nei dintorini della Barceloneta. Il ristorante si chiama Maka Maka Beach Burger Café.

Un ristorantino con le sedute all’esterno in legno e delle bellissime decorazioni luminose, noi abbiamo mangiato delle patate buonissime che vi consiglio vivamente le garlic & parmesan fries ma tantissimi anche i panini e i drink da scegliere in questo particolare ristorante.

 

 

Per adesso il mio racconto si conclude qui, se volte continuare a leggere vi aspetta il prossimo appuntamento su #thefancytaste con il mio #roadtrip to Barcellona 🙂

Nessun commento

Lascia un commento

Seguimi su Instagram